Buon compleanno World Wide Web

Compie 30 anni la “creatura” di Tim Berners Lee.

Trent’anni fa, il 12 marzo 1989, nasceva dopo un veloce vaglio di nomi la definizione di World Wide Web. Prima il mondo di internet come lo conosciamo era un mero ideale.

Si viaggiava per newsgroup ospitati su computer privati o istituzionali ai quali ci si collegava usando il modem telefonico.

Il protocollo di chiamata era quello squisitamente mostrato in “WarGames”, film del 1983 con Matthew Broderick che cercando di collegarsi a una ditta di videogiochi con un’operazione di wardialing (in pratica chiedendo al computer di fare tutti i numeri di una determinata zona) accedeva per caso al Norad innescando una serie di eventi che avrebbero rischiato la distruzione del pianeta scongiurato da un sistema (il Wopr) che dopo aver simulato, mettendo nel panico tutto il mondo, optava per la situazione in cui “L’unica mossa vincente è non giocare”.

Tim Berners Lee inventò dopo questa data il protocollo di trasmissione e di creazione per gli ipertesti di fatto “creando” la base di quello che oggi chiamiamo internet.

L’idea era quella di una grossa decentrata biblioteca. Il sistema teorizzato nel 1989 già nel 1991 aveva server collegati fuori dal Cern (luogo di origine) fino negli Usa. Fra il 1992 e il 1995 l’origine accademica del web pervase il mondo prima di aprirsi all’uso quotidiano con la nascita di Mosaic e Netscape, fra i primi browser in senso moderno. Intanto nel maggio 1994 la prima International WWW Conference apriva la via a un evento sul web che da allora è diventato annuale. Nel settembre dello stesso anno nasce il World Wide Web Consortium creato dall’onnipresente Tim Berners Lee con l’appoggio della comunità europea e del dipartimento della difesa americano. Per scelta gli standard nati liberi e senza royalties rimangono tali.

Sempre nel 1995 nascono Amazon ed Ebay ad avviare la bolla del dotcom che, fino al 2001, avrebbe visto ogni genere di azienda web nascere, crescere in borsa e morire a seguito di errori o fallimenti tecnici.

Persino Facebook, con i suoi 15 anni, e Wikipedia, a malapena maggiorenne coi suoi 18, contribuiscono a cambiare il volto del web tramutandolo da “roba da nerd” a “cosa di tutti i giorni”. Cominciano a nascere i terminali mobili con iPhone, presentato nel 2007, e Android, presentato nel 2003 ma sviluppato con i primi terminali (il G1 Htc) nel 2008 e oggi, nel 2019, la situazione attuale del “figlio” di Lee è tale che incide in ogni lato della nostra vita completando e in certi casi complicando molti aspetti che prima non tenevamo neanche in considerazione.

Quindi, da parte nostra, BUON COMPLEANNO INTERNET.

I COMMENTI DEI LETTORI