Edicola sportiva special: un anno di sport

Indietro
Successivo

Calcio: fine del girone d’andata, numeri e bilanci

In questo anno di calcio che se ne va, c’è sempre una costante: la Juventus che domina in Italia. Così è stato anche in questa metà del campionato finito sabato, con la vittoria per 2-1 sulla Sampdoria, siglata da Cristiano Ronaldo, uno degli arrivi più importanti dell’anno sportivo in generale, e dal Var che annulla, forse ingiustamente, la magia di Saponara, solo uno dei gol capolavoro di questo incredibile 2018 che a livello di club ha in parte rilanciato il calcio italiano.

Il Napoli insegue, ma non molla e batte con sofferenza il Bologna, grazie alla doppietta del solito Milik, arma in più e al gol nel finale di Mertens. Anche se il punteggio, stavolta specchio parziale di verità, (3-2) fa capire che la gara è stata più tosta del previsto.

Finisce con un pò di sollievo anche l’anno delle Milanesi. L’ Inter non brilla ma vince, conta questo alla fine, contro l’Empoli grazie al gol di Keità, che sta diventando determinante.

Il Milan fa altrettanto, riesce a segnare 2 gol e notizia, esulta anche Higuain, ma soffre oltremodo contro una Spal mai doma, tenuta in vita dal bel gol  iniziale di Petagna, poi rimontato. Se il 2-2 non arriva è solo grazie alle super parate di Donnarumma, tornato supereroe e  in questo campionato già diverse volte è stato decisivo.

 

Bello l’addio al 2018 anche delle Romane con la Lazio che pareggia soffrendo, contro un avversario ostico come il Torino. Resta la soddisfazione per Milinkovic che entra in top 3 con un grandissimo gol e si candida come uno dei gol più belli della stagione e forse dell’intero 2018, anche se certe prodezze sono difficili da eguagliare.

La Roma vince con prestazione convincente la sua seconda gara consecutiva e adesso la zona Champions torna a portata, a conclusione di un anno certamente da incorniciare in casa giallorossa, con una semifinale di Champions raggiunta nella precedente edizione e gli ottavi da giocarsi in questa.

Gloria anche per l’Udinese con la prima vittoria della gestione Nicola sul Cagliari, dopo una gara che di certo non ha annoiato i tifosi.

In credito con la sorte c’è la Fiorentina, fermata sullo 0-0 dal Genoa, o meglio dai pali della porta rossoblu, ben 2 quelli colpiti dalla Viola nell’ ultima del 2018.

Tutto è possibile e se è vero che chi conlude l’anno bene , poi inizia ancor meglio quello dopo, c’è speranza anche per il Chievo che con il Frosinone trova la prima vittoria del suo campionato per merito di una splendida punizione di Giaccherini.

A finire in bellezza l’anno è anche l’Atalanta che massacra il Sassuolo con un netto 6-2, regalando la peggior sconfitta casalinga subita dai neroverdi nel corso dell’anno. Ilicic con la sua tripletta è il protagonista ma Zapata resta l’uomo del momento.

 

Indietro
Successivo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here