Advertisement

Edicola sportiva: la Serie A non si ferma

La Serie A torna in campo con curiosità per Prandelli

- Advertisement -

Archiviata la brillante partita tra Juventus e Inter, una gara ricca di emozioni con la prevedibile ma sofferta vittoria dei padroni di casa per 1-0, la Serie A non si ferma, nemmeno nel giorno dell’Immacolata. A decidere intanto il derby d’Italia è stato Mandzukic uomo del momento in casa bianconera, colui che segna tanto e soprattutto gol che pesano, specie contro le big. L’Inter ha tirato nello specchio solo 1 volta (contro le 5 delle Juve) e non ha saputo sfruttare alcuni azioni che andavano concretizzate. La Juve dal canto suo, ha avuto paradossalmente meno occasioni lampanti, ma sotto rete è stata più incisiva.

Festa che casca proprio a fagiolo perchè sono tante le squadre che chiedono un intervento divino per non capitolare.

A partire dal Frosinone che alle 15 di oggi è impegnata nell’impossibile trasferta contro il Napoli. Ai ciociari non resta che sperare che la testa degli azzurri sia tutta alla sfida decisiva di Champions di metà settimana prossima. In effetti alcune scelte di Ancelotti sono proprio rivolte in questo senso. Intanto in porta torna Meret che non può essere logicamente al top della forma, ma sarà quasi certamente il portiere titolare del prossimo anno solare. Non dovrebbe esserci Albiol, pronto Maksimovic a sostituirlo. Rischiano anche un turno di riposo Koulibaly, Hysaj e Callejon. Mentre dovrebbe essere quasi certo della panchina Mertens, scalzato da Milik di fianco a Insigne che però dovrebbe tirare il fiato a partita in corso. Sponda ciociara, pochissimi i dubbi di formazione. Il più grosso Campell, non al massimo della forma e in ballottaggio sia con Pinamonti che con Cassata, con quest’ultimo ci sarebbe anche una variazione di modulo.

Alle 18.00 il Cagliari ospita una Roma affamata di punti, ma debilitata dai soliti infortuni. Alla lista già lunga che tra gli altri lascia fuori Dzeko, si aggiunge Manolas, con un guaio fisico che potrebbe costringerlo al forfait con gli isolani. Al suo posto ballottaggio tra Marcano e Juan Jesus.

Alle 20.30 match non facile sulla carta per la Lazio che se la dovrà vedere la Sampdoria. Solito dubbio di formazione tra i biancocelesti tra Luis Alberto, Caicedo e Correa in lieve vantaggio sugli altri 2.

Per la Sampdoria dubbio tra Ramirez in lieve vantaggio su Saponara e Defrel che deve vincere la concorrenza di Caprari.

Domenica match della verità per la Fiorentina ospite del Sassuolo. I viola devono vincere altrimenti Pioli potrebbe rischiare qualcosa.

Gara salvezza tra Empoli e Bologna con i toscani che da quando c è Iachini non perdono più e invece la squadra di Inzaghi che ha disperato bisogno di punti.

Il Parma ospita domenica sempre alle 15 il Chievo con gli ospiti che devono fare a meno di Rossettini e i padroni di casa che perdono Grassi proprio ora che l’avevano lanciato da titolare con grandi risultati. Ora però il centrocampista ex Napoli ha riscontrato un infortunio che lo costringe a finire con largo anticipo la sua stagione.

Test difficile per l’Udinese che se la dovrà cedere con l’Atalanta. Probabilmente tornerà titolare Lasagna in questa gara che sa di ultimo esame per l’attaccante italiano.

Alle 18.00 Genoa-Spal partita di grande interesse e curiosità per il Grifone che ha esonerato Juric per chiamare Prandelli che può trovare nell’avventura rossoblu una grande occasione di rivincita.  Goccia che ha fatto traboccare il vaso la sconfitta in Coppa Italia. Contro una Spal che aveva cominciato bene ma ha dovuto rivedere i suoi obiettivi e sta lottando per la salvezza.

Posticipo tra Milan e Torino con il ritorno di Higuain in attacco dopo la squalifica. Mentre Ibra sembra allontanarsi dai rossoneri, Balotelli ha commentato il suo improbabile ritorno al Milan non voluto dai tifosi.