Serata di Champions agro-dolce per le squadre italiane

Il Barcellona affonda l’Inter per 2-0 dopo una partita dominata anche senza Messi. La squadra di Spalletti è scesa in campo per soli 15 minuti, i primi della ripresa: troppo pochi per poter pensare di ottenere un risultato positivo. Icardi non ha toccato una palla e il centrocampo è stato sovrastato dal possesso palla catalano.
Il gol dell’ex Rafinha, che ha aperto la gara e poi la magia di Jordi Alba hanno regalato al Barca i 3 punti e il primato del girone.
Poco male, perchè il pareggio tra Tottenham e PSV consente ai nerazzurri, secondi nel raggruppamento di aver comunque un buon margine sugli inseguitori.

Euforia a metà anche per il Napoli che illumina il Parco dei Principi, mettendo alle strette il PSG per tutta la partita. Insigne e Mertens gli uomini simbolo di questa squadra che ha però il vero fuoriclasse in panchina. Carlo Ancelotti infatti ha già trasferito alla squadra grandi sicurezze e la consapevolezza di potersela giocare anche con corazzate di questo livello; caratteristica che scemava in Sarri. Ecco perchè il punticino raccolto a fine gara ha un po’ il sapore della beffa. L’euro-gol di Di Maria, quello del 2-2, permette ai parigini di tenere aperto il girone.

Stasera in campo l’Europa League

Toccherà a Milan e Lazio tenere alto questa sera il nome delle nostre squadre. Alle 18.55 in campo il Milan per la sfida della verità: Betis questa sera e Sampdoria in campionato saranno il crocevia per Gattuso a rischio esonero in caso di risultati negativi. Ecco perchè Rino deciderà di attuare un turnover ragionato con Chalanoglu in panchina, e Suso- Higuain in campo dall’inizio. In porta Reina sostituirà Donnarumma.

Sfida tosta anche per la Lazio, ospite del Marsiglia. Simone Inzaghi ha già rifilato da giocatore un poker ai francesi e stasera si augura che la sua squadra possa ripetersi. Per farlo e dimenticare l’ultima Euro sconfitta il mister si affida ai big. In campo infatti scenderanno Immobile, Milinkovic e Luis Alberto.