Per ricordare il centenario della fine della Grande Guerra, l’Associazione Benigno Zaccagnini, insieme al Comune di Cesena e il Comune di Gorizia organizzano il convegno “Il grande racconto della guerra 1915-1918” in programma sabato 10 novembre alle 10.00 al Teatro Bonci.

L’appuntamento nasce per rendere omaggio a tutti quegli uomini che, anche giovanissimi, finirono in trincea per combattere nella Grande Guerra, sacrificando la loro vita per il bene della patria.

Sacrificio a cui prese parte anche il cesenate Renato Serra, che nel suo Diario di Trincea datato luglio 1915 scriveva “La guerra non ha cambiato niente. Il miracolo è che si vada avanti lo stesso, e che ognuno, quando occorre, si trovi pronto a morire al suo posto”.

Il convegno si aprirà sulle note dell’Inno di Mameli intonato dalla scuola di canto del Conservatorio Maderna e con un saluto del Presidente dell’Associazione Benigno Zaccagnini Michelangelo Bucci.

Prenderanno poi la parola il Sindaco di Cesena Paolo Lucchi e il Sindaco di Gorizia Rodolfo Ziberna, prima personalità a venire a Cesena, a 100 anni dalla Grande Guerra, per onorare la memoria dei tanti appartenenti all’11° Reggimento Fanteria “Casale” – i cosiddetti “Gialli del Calvario” – che si batterono per la liberazione di Gorizia, in molti casi lasciandoci la vita.

Interverrà poi lo studente universitario Manuel Purita, che ricorderà i “ragazzi del ‘99”, giovani che furono chiamati in trincea a 17-18 anni. Già nel 2015 Purita, allora studente del Liceo Classico “Monti” era intervenuto per ricordare la figura di Alberto Suzzi, anch’esso studente del “Monti” e caduto nel Podgora.

A concludere gli interventi, sarà un’orazione celebrativa curata da Marino Biondi del Dipartimento di Lettere e Filosofia dell’Università di Firenze. Da cesenate e da cultore di Serra, Biondi terrà una lezione di vasto respiro che lui stesso ha voluto intitolare “Grande Racconto”, una panoramica per riannodare i fili delle tante cose dette e scritte sulla Grande Guerra.

Il convegno si chiuderà con i canti del Coro del CAI di Cesena, che interpreteranno alcune canzoni della tradizione.

A tutti i partecipanti al convegno, sarà donato il volumetto “Tre cesenati alla Grande Guerra: Renato Serra, Don Carlo Baronio, Decio Raggi”, con scritti di Giovanni Maroni, Rino Bartolini, Dino Pieri, edito dalla stessa Associazione “Zaccagnini”.

L’appuntamento è realizzato in collaborazione con il Conservatorio Bruno Maderna e Canti del coro Cai di Cesena e con il contributo di Fondazione Cassa di Risparmio di Cesena, Fondazione For, Orogel e Credito Cooperativo Romagnolo.