Film in uscita della settimana

Torna al cinema Johnny English

I fan di John Lennon saranno contenti di poter finalmente rivivere al cinema, un documentario su una parte importante della sua carriera musicale.
Il film, uscito ieri intitolato “Imagine”, come prevedibile è il ripercorrere dell’album Yoko Ono, moglie del cantante per la quale John perse letteralmente la testa. Il docu-movie associa ad ogni canzone tratta dal disco, un materiale visivo diverso.

Ecco i film usciti ieri.

La strada dei Samouni

Protagonista del docu-movie una giovane ragazza Amal, che torna nel suo quartiere di cui ricorda solo una cosa: un albero che non c’è più.
Un sicomoro su cui lei e i suoi fratelli si arrampicavano. Si ricorda di quando portava il caffè a suo padre nel frutteto. Dopo è arrivata la guerra. Amal e i suoi fratelli hanno perso tutto. Sono figli della famiglia Samouni, dei contadini che abitano alla periferia della città di Gaza. E’ passato un anno da quando hanno sepolto i loro morti. Ora devono ricominciare a guardare al futuro, ricostruendo le loro case, il loro quartiere, la loro memoria.
Sul filo dei ricordi, immagini reali e racconto animato si alternano a disegnare un ritratto di famiglia, prima, dopo e durante i tragici avvenimenti che hanno stravolto le loro vite.

 

Titanic
I pochi che non hanno mai visto questa pellicola, possono approfittarne. Il film che ha reso famosa Kate Winslet e consacrato al grande pubblico Leonardo Di Caprio, torna sul maxy schermo, pronto a far commuovere per il suo romanticismo, e la sua drammaticità di questo tragico destino, tratto da una storia realmente accaduta di quella nave che il 15 aprile 1912 si schiantò contro un iceberg, provocando la morte di 1500 persone.

Film in uscita 10 ottobre.

Il banchiere anarchico

Alla fine di una cena nel suo disadorno palazzo blindato, un potentissimo banchiere celebra frugalmente il suo compleanno. La ricorrenza si fa occasione per soddisfare le curiosità dell’unico commensale (e forse unico amico) riguardanti la sua misteriosa ma irresistibile ascesa verso un’enorme ricchezza.
Figlio del popolo, il banchiere sostiene che quel suo impero economico trae origine da una volontà di lotta sociale evoluta, che va condotta in solitudine, ma non per questo meno radicale dell’ideologia di quelli che si professano anarchici duri e puri.

Sostiene il banchiere che l’atto dell’isolarsi è l’unico modo per condurre una vera vita rivoluzionaria, per una militanza politica superiore a quella dei suoi vecchi compagni di ribellione che lui oggi apostrofa come “le puttane della dottrina libertaria”.

L’uomo stordisce l’ospite con una colta esposizione sofistica intrisa di idee incendiarie contro le ingiustizie della borghesia e di denunce feroci nei confronti della strapotenza del veleno mortale che mina dall’interno la nostra libertà: il denaro. Denaro che il banchiere ha incamerato senza scrupoli e senza regole. Per essere libero, sostiene. Senza vergogna.

 

Film in uscita l’11 novembre.

1938 Diversi
Film ambientato nel 1938, anni di un popolo italiano che non era tradizionalmente antisemita e che fu spinto dalla propaganda fascista ad accettare la persecuzione di una minoranza che viveva pacificamente nel paese da secoli. Come fu possibile tutto questo? E quanto sappiamo ancora oggi di quel momento storico?
In occasione dell’80° anniversario della promulgazione delle leggi razziali in Italia, la Tangram Film di Roberto e Carolina Levi ha realizzato in collaborazione con Sky Arte, Piemonte Film Fund, MiBACT, AB Groupe e AAMOD il documentario “1938, Diversi” scritto da Giorgio Treves e Luca Scivoletto per la regia di Giorgio Treves.
“1938, Diversi” vuole ripercorrere ciò che comportò per la popolazione, ebraica e non, l’attuazione di quelle leggi e, in particolare, i sottili meccanismi di persuasione messi in opera dal fascismo. Il documentario illustra anche la forte componente del razzismo presente nel regime fascista fin dal suo inizio per tradursi poi nella militarizzazione del popolo italiano, nell’esaltazione della romanità, nella conquista dell’Africa Orientale e infine nelle leggi antisemite e nell’alleanza con Hitler.

 

A Star is Born
Film sentimentale musicale molto importante poichè segna l’esordio da regista di Bradley Cooper che sarà anche attore protagonista della pellicola. Dopo l’affiancamento al mostro sacro Clint Eastwood in American Sniper, dove Bradley vestiva anche qui i panni della main star, stavolta l’attore di una notte da leoni si è messo in proprio.
Al suo fianco esordio incredibile anche per Lady Gaga, attrice protagonista per un film che si preannuncia dunque imperdibile.
Jackson Maine (Cooper), un famoso musicista nel momento più basso della sua carriera, si innamora di una talentuosa attrice di nome Ally e si offre di farle da pigmalione nel mondo dello spettacolo. Nei panni dell’astro nascente della musica country, la stella del pop Lady Gaga (accreditata come Stefani Germanotta) raccoglie l’eredità di Janet Gaynor, Judy Garland e Barbra Streisand. La relazione passionale tra Jackson e Ally si incrina quando la carriera in ascesa della donna oscura definitivamente quella già in declino del compagno, al quale non resta che rinunciare alla ragazza e avviarsi lungo il viale del tramonto.

 

A-X-L. Un’amicizia extraordinaria

Il migliore amico dell’uomo è per definizione il cane. Non importa se in carne ed ossa o se robot. Come succede in questo film dove un giovane motociclista incontrerà proprio un cyborg cane che però ha i comportamenti simili ad uno in carne ed ossa. La loro amicizia e il loro forte legame verrà messo a rischio da spietati scienziati pronti a tutto per riavere indietro la loro creazione…

 

Il complicato mondo di Nathalie
Il complicato mondo di Nathalie, il film diretto da David Foenkinos e Stéphane Foenkinos, racconta la storia di Nathalie Pêcheux (Karin Viard), professoressa di lettere divorziata e madre premurosa con una malsana gelosia.
Se il suo primo obiettivo è la figlia diciottenne Mathilde, bellissima ballerina di danza classica, il suo campo d’azione si espande presto ai suoi amici, colleghi e vicini di casa. Tra commedia graffiante e suspense psicologia, l’inaspettato ritratto di una donna sulla soglia dei cinquant’anni…

 

Johnny English colpisce ancora
Stavolta l’agente segreto più divertente del mondo, non potrà godersi nemmeno la meritatissima pensione, perchè se la dovrà vedere con un pericoloso hacker informatico pronto a svelare identità riservatissime di agenti federali.
Come se la caverà il nostro eroe?

 

La fuitina sbagliata
La fuitina sbagliata, il film diretto da Mimmo Esposito, racconta la storia di Romeo e Giulietta ma esattamente al contrario: due famiglie, i Casisa e i Vitrano, che si adorano, e i due figli, Anna (Annandrea Vitrano) e Claudio (Claudio Casisa), studenti fuori sede e fidanzati storici, che si odiano e non vogliono saperne di stare insieme.
Quando ritornano a casa, i due trovano una situazione idilliaca: l’amicizia fra le loro famiglie è cementata a tal punto che si sono addirittura unite negli affari.
I Casisa, produttori di ricotta e i Vitrano, produttori di scorze di cannoli metteranno in vendita “il cannolo degli innamorati”, di cui Claudio e Anna saranno i testimonial inconsapevoli. Sporcare quel quadretto è così difficile che i due non solo non avranno il coraggio di dire che si sono lasciati ma, presi da una paura sempre più infantile, complicheranno le cose dicendo delle grosse bugie: non solo annunciano il matrimonio ma anche la prossima nascita di un bambino. Da qui parte un gioco di equivoci esilarante, che li porterà a compiere, per l’appunto, La Fuitina Sbagliata.

 

La morte legale
Questo documentario è la rivisitazione in chiave moderna di un film che ha fatto la storia del cinema italiano “Sacco e Vanzetti”. La pellicola, appunto ripresa dal nuovo movie in sala, riguarda i due italiani condannati a morte e poi finiti sulla sedia elettrica per aver commesso il non reato in realtà, dell’anarchia. Il caso che fece discutere l’Italia intera, rivive dunque al cinema.

L’apparizione
L’apparizione, il film diretto da Xavier Giannoli, segue la storia di Jacques (Vincent Lindon), reporter di guerra che viene reclutato dal Vaticano per indagare su un’apparizione avvenuta in un villaggio della Francia.
Anna (Galatea Bellugi), orfana e novizia, afferma di aver visto la Vergine Maria. Lo straordinario evento, velocemente diffuso, ha condotto migliaia di pellegrini sul luogo della presunta apparizione. Jacques, estraneo a questo mondo, accetta di far parte della commissione d’inchiesta canonica.

 

Quasi nemici
Avete presente il quasi omonimo film di qualche anno fa?.. Beh ecco questo è l’esatto opposto. Due persone completamente diverse l’una dall’altra, una giovane donna che sogna di diventare avvocato e un professore con forti pregiudizi sulle minoranze che si ritrovano insieme per aiutarsi reciprocamente nei loro problemi di lavoro, non prima però di aver superato pregiudizi che avevano tra loro.

The predator
Dai confini dello spazio inesplorato, la caccia arriva nelle strade di una piccola città nella terrificante reinvenzione della serie di Predator nel progetto registico di Shane Black. Geneticamente modificati, attraverso la combinazione dei DNA di specie diverse, i cacciatori più letali dell’universo sono adesso ancora più pericolosi, più forti, più intelligenti. Quando un ragazzino innesca accidentalmente il loro ritorno sulla Terra, solo un gruppo di ex soldati e una disillusa insegnante di scienze può impedire la fine della razza umana.

 

Zanna Bianca
Zanna Bianca, il film diretto da Alexandre Espigares, vede protagonista un lupo con un quarto di sangue di cane. E’ una creatura fiera e coraggiosa, e per questo sarà vittima della crudeltà dell’uomo.
Dopo essere cresciuto nelle terre innevate, meravigliose ma ostili del Grande Nord, viene accolto da Castoro Grigio e la sua tribù di nativi americani. Qui viene protetto dalla tribù, ma dovrà farsi accettare dagli altri cani. Purtroppo Castoro Grigio sarà costretto a cedere Zanna Bianca ad un uomo crudele, che lo obbligherà a trasformarsi in un cane da combattimento. In fin di vita, sarà salvato da una coppia disponibile e amorevole, che con il suo amore insegnerà a Zanna Bianca a dominare il suo istinto selvaggio e a diventare il loro migliore amico. Una storia di redenzione descritta dal punto di vista dei cani e soprattutto sulla straordinaria forza dell’amore che li lega indissolubilmente all’uomo.

Dal 14 ottobre sarà possibile visionare il film su Renzo Piano.

Renzo Piano: l’architetto della luce
Quando cresci con l’idea che costruire è un’arte, ogni volta ti sembra di assistere a un miracolo. Così è per Renzo Piano, architetto italiano tra i più celebri al mondo, autore del Centre Pompidou di Parigi, dell’Auditorium Parco della Musica a Roma e degli edifici del New York Times. A raccontare questo genio dell’architettura è un genio del cinema, Carlos Saura, che segue Piano nella progettazione del Centro Botìn a Santander, in Spagna. Il racconto in presa diretta delle fasi della costruzione del Centro diventa presto riflessione sul processo creativo. Per capire che l’arte, sia essa cinema o architettura, non è un atto prevedibile. Spesso è un po’ come guardare al buio: prima di capire ciò che accadrà, bisogna dare il tempo agli occhi di adattarsi.